41bc054b-bc24-47d6-b0a5-45cc315733c4.jpg
caivano_18mag2015 (1).jpg
udienzapapa_8magg20w19 (5).jpg
20novembre2018.jpg
Copertina definitiva.jpg
Senza titolo-2.jpg
 «Grazie, sono libero, ma ora grida.
Grida per me e per tutti gli altri bambini».
Queste sono le parole scritte a don Fortunato da Carlos, un bambino brasiliano che per due anni era stato segregato e ripetutamente abusato da
una banda di pedofili. Le foto di quegli
abusi venivano scambiate e vendute
in Internet.
Carlos venne liberato dalla polizia
nel corso di un’operazione scattata
in seguito a una segnalazione partita
dall’altra parte del mondo, da Avola,
in provincia di Siracusa. Carlos è stato
il primo bambino liberato da don
Fortunato Di Noto.
Per capire la portata del fenomeno
e conoscere più a fondo l’attività
di questo prete più volte minacciato,
boicottato, inascoltato, emarginato,
indagato, Roberto Mistretta si è recato
ad Avola, nella sede dell’associazione
Meter, e ha parlato a lungo con lui e
con i suoi collaboratori.
Queste pagine sono una testimonianza
della lotta senza quartiere che
don Fortunato conduce quotidianamente
in difesa dei bambini e per un
mondo che rispetti la loro dignità