Recensione Il canto dell'upupa
Libro di Roberro Mistretta Il canto dell'upupa
Tutti i colori del giallo su Radio Rai2 Ospite di Luca Crovi
00:00
Intervista Radio ReporterIl canto dell'upupa
00:00
PRESENTAZIONI A BONN, COLONIA, MILANO, ROMA, NAPOLI, VICENZA

To play, press and hold the enter key. To stop, release the enter key.

PRESENTAZIONI A MUSSOMELI, BARCELLONA POZZO DI GOTTO, SUTERA

To play, press and hold the enter key. To stop, release the enter key.

RECENSIONI
MANGIALIBRI
Il canto dell’upupa è un noir suggestivo, denso e meditativo, disseminato qua e là da qualche punta di lirismo ed infestato dai miasmi graveolenti del putridume umano.
UNOENESSUNO
Una profonda conoscenza dell'animo siciliano, terra di tragedianti, dove contano più i sussuri le cose che non si dicono che ciò che si dice.
L'OEIL DE LUCIEN
Per narrare le sue storie, Mistretta si avvale di uno spettro molto ampio di colori( dal Giallo al rosso, al Noir), di emozioni e soprattutto di personaggi, alcuni dei quali davvero indimenticabili, senza peraltro mai trascurare un forte afflato morale.
ADNKRONOS
Roberto Mistretta riesce nel difficile compito di guardare con ironia anche le vicende più crude, con grande attenzione all’aspetto etico delle situazioni e alla denuncia civile.
LETTURE AL GABINETTO
Il libro mi piacque perché trovai mischiati, attraverso un equilibrato amalgama tra italiano e siciliano, delicatezza e forza cupa, umorismo e ironia con autentica commozione.
DIALETTALITA' NEL GIALLO
Le indagini del siciliano maresciallo dei carabinieri Saverio Bonanno, ambientate da Roberto Mistretta45 a Villabosco nella “Montanvalle”
BARCELLONA BLOG
Il canto dell'upupa", nella trama intricata propria del noir, svolta con una punta d'ironia, riesce ad inserire una drammaticità talmente cruda da superare la fantasia più cupa
KULT UNDERGROUND
L'impacciato e umano maresciallo Bonanno risolve il mistero seguendo le tracce di un ragazzino e di un'upupa, terribile sigla dalle antiche suggestioni letterarie

To play, press and hold the enter key. To stop, release the enter key.

Recensione Il canto dell'upupa